Generale

20 Marzo 2013

L’importanza della firma digitale per i procedimenti SUAP

E’ noto che nel processo che porta un imprenditore all’apertura di una nuova attività, intercorrono comunicazioni formali tra l’imprenditore stesso ed il Suap competente nel territorio e tra questo e gli enti terzi. In questo contesto la firma digitale può inserirsi come un importante strumento di snellimento amministrativo.

Il suo utilizzo permette, già da oggi, di evitare di recarsi al Suap, favorendo da una parte, la progressiva sostituzione dei documenti cartacei con quelli digitali (con un sensibile risparmio economico) e offrendo, dall’altra, maggiori garanzie di sicurezza riguardo la riconducibilità di un dato documento al suo firmatario. La firma digitale offre inoltre agli operatori maggiori garanzie del rispetto dei tempi previsti per l’apertura di una attività imprenditoriale nel territorio regionale, essendo evidente che la trasmissione telematica di un documento è più celere del suo equivalente cartaceo.

Apporre la firma digitale ad un documento è molto semplice. E’ infatti sufficiente possedere il “kit di firma” che è composto da:;
1) una  smart card (grande quanto una carta di credito) con  un lettore di smart card oppure, in alternativa, una chiavetta USB. Entrambe le soluzioni si basano su un disposto (smart card o chiavetta) che contiene le “credenziali” strettamente personali (nome, cognome e codice fiscale);
2) un apposito software che andrà installato nel proprio computer.
3) un codice segreto (pin)

Per la verifica dell’autenticità ed integrità del documento (cioè che il documento non sia stato modificato dopo la firma) è, invece, sufficiente il solo software a corredo del kit.

Osservando alcune semplici regole di riservatezza e di custodia della smart card e dei suoi codici, si ha la garanzia di non falsificabilità della propria firma dato che la firma digitale è strettamente dipendente dal contenuto del documento sul quale viene apposta la stessa. Tale garanzia non può essere data invece dalla firma autografa che ha maggiori rischi di essere falsificata e non è dipendente dal contenuto del documento firmato.
Appare evidente quindi come l’utilizzo della firma digitale porti benefici al grado di sicurezza e di snellimento delle comunicazioni all’interno e all’esterno della pubblica amministrazione.

Per acquistare una kit di firma digitale  è possibile consultare l’elenco dei certificatori pubblicato sul sito del DIGITPA (Agenzia per l’Italia Digitale).
http://www.agid.gov.it/identita-digitali/firme-elettroniche/certificatori-attivi

Per poter visualizzare un documento firmato digitalmente (riconoscibile dal fatto che l’estensione del file è .p7m o PDF), verificare l’integrità del documento e verificare l’autenticità del sottoscrittore, è possibile scaricare gratuitamente il software Dike.
https://www.firma.infocert.it/installazione/installazione_DiKe.php

L’importanza della firma digitale per i procedimenti SUAP

Ultimi articoli

In primo piano 26 Novembre 2021

Sblocca cantieri: nuova versione del software

Si comunica all’utenza che il giorno 01.12.

In primo piano 23 Novembre 2021

Avviso importante: dal 6 dicembre sarà dismesso l’accesso al sistema delle pratiche CalabriaSUAP tramite il login tradizionale

Si avvisano gli utenti (cittadini, imprese e procuratori) che la tradizionale procedura di login mediante Username e Password alla piattaforma servizi.

In primo piano 15 Novembre 2021

Entro il 31 dicembre 2021 l’Autorità di Sistema Portuale dei MTMI attiverà il proprio Sportello Unico Amministrativo attraverso il portale regionale CalabriaSUAP

L’Autorità di Sistema Portuale dei Mari Tirreno Meridionale e Ionio (AdSP MTMI), nell’ambito del più generale processo di digitalizzazione e semplificazione amministrativa, in attuazione dell’art.

In primo piano 26 Ottobre 2021

Procedimenti relativi alla normativa di prevenzione incendi – Aggiornata la banca dati dei procedimenti

La banca dati dei procedimenti SURAP si arricchisce di due nuovi procedimenti (con annessa modulistica) relativi alla normativa sulla prevenzione incendi, di competenza dei comandi provinciali dei Vigili del fuoco.

torna all'inizio del contenuto