Lo sportello unico per le attivita' produttive

Cultura ed eventi

Il territorio provinciale racchiude un patrimonio culturale, artistico ed architettonico, che annovera importanti centri storici e di spiritualità.
Le vicende del passato sono evidenti nei segni lasciati nel corso dei secoli: insediamenti paleolitici, italici, magnogreci, romani, bizantini, normanni, svevi, angioini, aragonesi.
Importanti sono i manufatti architettonici, spesso imponenti, di ordini religiosi ancora presenti (la secolare Abbazia dei Monaci Certosini di Serra San Bruno e il convento domenicano di Soriano) e le chiese erette in epoche diverse, fra cui la suggestive S. Maria dell'Isola di Tropea e la chiesa di Piedigrotta a Pizzo, scavata interamente nel tufo. Dall'architettura militare traggono origine: il castello di Vibo, edificato dai Normanni, di Nicotera e di Pizzo, dove nel 1815 fu imprigionato e fucilato Gioacchino Murat, nonché le numerose torri costiere

Fra i centri storici, di notevole interesse:

  • Vibo Valentia: conserva intatte, nel centro storico, le geometrie del borgo medievale, con i palazzi monumentali in tufo giallo e le strade lastricate con grossi blocchi di pietra lavica.
  • Pizzo Calabro: d'origine medievale, è posizionata a strapiombo sul mare, con un dedalo di stradine che si intersecano convergendo nella grande piazza, molto animata nelle notti estive. Sulla spiaggia, la leggendaria chiesetta di Piedigrotta, scavata interamente nel tufo.
  • Tropea: affacciata sul suo mare limpido, sorge su uno sperone di roccia su cui si estende il centro storico.

Nella zona delle Serre, di particolare interesse la storica fonderia Ferdinandea. Il complesso, completato sotto il regno di Ferdinando II di Borbone nel 1841, si sviluppava su 15.000 metri quadrati e produceva 6.860 quintali di ghisa all'anno.
Il capoluogo, che trae origine da Hipponion - antica colonia fondata dai greci di Locri tra il VII e VI secolo a.C., fu denominato Vibo Valentia a partire dal 192 a.C. con l’avvento della dominazione romana. Tutte le presenze storiche hanno segnato il territorio con una stratificazione culturale fatta di comportamenti, linguaggi, riti religiosi, che sopravvivono nel folklore, nelle testimonianze della civiltà contadina e nelle numerosissime feste patronali, ricollegando antichi culti alla storia delle diverse comunità.