Lo sportello unico per le attivita' produttive

Contesto produttivo

Le principali vocazioni produttive del territorio della provincia di Vibo Valentia sono riconducibili al settore agricolo, all’artigianato e al settore turistico.

AGRICOLTURA
Nella provincia di Vibo Valentia l’agricoltura interessa quasi 70 mila ettari, dei complessivi 114 mila di superficie territoriale totale. Il territorio agricolo vibonese incide per meno del 10% sul totale regionale. Le produzioni sono concentrate nell’altopiano del Monte Poro, dove si coltiva la famosa ‘cipolla rossa di Tropea’. Estesi anche gli uliveti.
Nella zona delle Serre, caratteristiche le produzioni orticole e di frutti di sottobosco, lavorati e commercializzati da aziende operanti nel settore agro-alimentare (melanzane, pomodori, peperoni, olive, etc., marmellate preparate con frutta fresca).

ARTIGIANATO
La produzione continua la tradizionale lavorazione che caratterizzava gli artigiani locali, rifacendosi all’utilizzo di materiali reperibili in loco. Le più caratteristiche sono:

  • ferro battuto a Serra San Bruno
  • terrecotte di Gerocarne, dove operano ancora molti vasai con metodi tradizionali, producendo le famose ‘tijejie’, dove si cuociono i sughi e i legumi e le popolari ‘gozze’, bottiglie di terracotta molto usate come contenitori per l'acqua.
  • lavorazione di tessuti con l’uso del telaio.
  • produzione di pipe in radica a Brognaturo, di grandissimo pregio, realizzate in radica di Erica Arborea. Il ciocco prima di essere utilizzato viene sottoposto a bollitura, per poi stagionare almeno dieci anni.
  • lavorazione di vimini e paglia a Soriano Calabro, dove nel corso degli anni si è consolidata la filiera dei vimini, la cui lavorazione è molto curata e apprezzata.
  • arte orafa, realizzazioni di raffinati e ricercati oggetti di pregio e di valore, di varia foggia e diverse dimensioni, che trovano ispirazione nella cultura classica e nella storia del territorio e nelle sue più radicate tradizioni.
  • lavorazione del marmo e del granito a Davoli e Serra San Bruno

TURISMO
Il  territorio della Provincia di Vibo Valentia presenta numerosi e variegati motivi di attrazione turistica: testimonianze storiche di altissimo valore e tracce di tradizioni millenarie, monti selvatici e raffinate coste, una vegetazione dai colori smaglianti e una cucina dai profumi seducenti, i silenzi dei luoghi spirituali e i suoni delle piazze animate dal ballo della tarantella.

Lo splendido territorio marino compreso tra Pizzo e Nicotera, caratterizzato da un tratto di costa con ampie spiagge e lungo 75 Km, viene definito Costa degli Dei. Nel percorrere la strada litoranea del tratto di costa tirrenica, s'incontrano diversi piccoli centri di notevole interesse turistico. Un susseguirsi di baie, scogliere e spiagge contraddistingue il litorale.

I dati della Camera di Commercio relativi al 2011, indicano la presenza, sul territorio vibonese, di ben 431 esercizi turistici. Si tratta di un valore elevato se commisurato all’ampiezza del territorio e alla dimensione demografica, e che evidenzia quindi,l’elevata specializzazione che il territorio esprime, almeno nel paragone con la media regionale. Il 43% delle strutture sono esercizi alberghieri (n.187), mentre per il restante 57% si tratta di esercizi complementari (n.244).