Lo sportello unico per le attivita' produttive

Import ed Export

 

L’export della provincia di Cosenza è essenzialmente orientato verso l’Europa, che ne assorbe il 65% del totale. Nel 2013, si registra un calo soprattutto per la perdita di export sui principali, tradizionali partner, come Germania (13,8%), Francia (-29,2%) e Austria (-31,4%).
Solo l’export provinciale nel Regno Unito è in crescita.  Interessante è invece l’incremento di vendite verso la Turchia. Cresce del 21,7% anche l’export diretto negli Usa, così come quello verso i Paesi dell’Africa del Nord, segnatamente l’Algeria, che non ha risentito degli scossoni delle Primavere Arabe.

I comparti produttivi più aperti ai circuiti commerciali esterni sono:

  • industria alimentare, delle bevande e del tabacco (con un valore delle importazioni e delle esportazioni pari a 118 Meuro);
  • prodotti chimici e farmaceutici (60,2 Meuro);
  • prodotti dell’agricoltura, pesca e silvicoltura (55,2 Meuro);
  • fabbricazione di macchine elettriche ed elettroniche, elettro-medicali ed ottiche (54,6 Meuro);
  • fabbricazione di macchinari ed apparecchiature meccaniche (34,8 Meuro).

I settori per i quali si registra un saldo positivo sono:

  • Macchine ed apparecchiature elettriche, elettroniche, ottiche ed elettromedicali (+13 Meuro);
  • prodotti alimentari, delle bevande e del tabacco (+11,3 Meuro);
  • agricoltura, pesca e silvicoltura (+10,3 Meuro);
  • comparto legno e mobili (+0,9 Meuro).

 fonte ICE/ISTAT 2015